Blog di Fenice80

Leggi commenti per Fenice80 | Scrivi un commento per Fenice80
Visita l'homepage di Fenice80
In un mondo dove tutti credono di aver ragione, sono fiera di avere torto.
Pur di aver ragione calpestate la liberta' e la dignita' altrui.
Voglio aver torto senza aver tÚrto un capello ad anima viva.


V.M.
5-02-2015
( 10/2/2015 02:33:48 - N. 378224 )


Acqua 'e vvient
Chiuret a rint
Aret e' llastre sient o rummore
E ppienz a chi invece e' obbligat a sta' for'
Chistu penzier nun te fa' durmi'
E ssi tu nn'arrepuose
Nun ddorm manch'je!
( 10/2/2015 02:32:29 - N. 378223 )



( 10/2/2015 01:49:7 - N. 378222 )

poesia..

'A femm'na mia addà essere carnosa e carnale...

m'adda saglì e scenner a cuoll '..

.dint e braccia..

.dint  e vvene..

comm ò sang che voll e ribbolle...cucente  comm e ò rraù dà dummen'c

....m'addà piglià cò piglio e n'animale...

..strignenn'm int ò core chin e bben....

.m'addà lassà pe ccuoll addore suoje...

.ca aunit ò mio fà addor e tutt e ddoje..

...n'addore doce ca nun se pò imità...

è chesta a croce mia...

che 'cce vuò fà??


( 12/12/2010 16:17:16 - N. 376767 )




A Eliopoli la Fenice veniva venerata come incarnazione del dio Ra, altrove come quella di Osiri. Il mito di questa creatura si concretò nella redazione che si diffuse largamente fuori del territorio egizio, ove si ricamarono attorno alla sua figura le più svariate leggende.

Narra Erodoto che la Fenice volava ogni cinquecento anni dall'Arabia a Eliopoli per seppellirvi la salma del padre che si era portata in un uovo. Questa leggenda resta ancora in qualche modo collegata al culto degli Egizi.
La leggenda che ci racconta Tacito negli Annales si allontana ancora di più dall'originale: secondo lui, la Fenice si fabbricava in Arabia un nido con ramoscelli di piante aromatiche, dal quale usciva la nuova Fenice che indi bruciava il padre.
Secondo altri antichi, infine, l'animale, giunto a tardissima età, si uccideva sopra un rogo di legni odorosi per poi risorgere dalle proprie ceneri, più puro e più bello.

Cosa rara e quasi impossibile a trovarsi, la Fenice divenne nel linguaggio popolare un qualcosa di tanto straordinario da sembrare inverosimile, una specie di portafortuna per le persone buone, un qualcosa di magico, senza età né tempo.


Il significato che comunemente si ricava dal mito della Fenice, in grado di risorgere dalle proprie ceneri, è che la fine di un ciclo non comporta la distruzione di tutto quanto fatto, bensì è permesso ripartire da dove si era arrivati per proseguire il cammino ad un livello superiore.




( 30/11/2009 18:37:36 - N. 374963 )

Indietro Avanti
Pagina 2
Questo blog Ť stato visto 39089 volte