Spazio sponsor, richiedi anche tu uno spazio su ircnapoli per la tua pubblicità!
 
 

**MiLLiE87**

nome:

emilia
eta': 33
Citta'.: mondragone
Descrizione: ciaooooooooooo...finalmente ho modificato la mia pagina personale...anche perchè mi sono resa conto che avevo scritto le stronzate con la pala ...quindi per nn ripetere lo stesso errore nn voglio scrivere proprio niente..una cosa sola però la devo dire :ODIO L'IPOCRISIA E LA FALSITA' e penso che questo ultimamente l'ho reso esplicito visto che per essere sincera con una persona importante (anche se per alcuni dovevo farmi i "cazzi miei")ho litigato con tre ormai ex amici/amiche




Ilè ti voglio tanto tanto bene !!!!!!! (mi raccomando quando scriverai la pagina fammi anche tu la dedica !!!!!)









oggi o5/05/06 le cose si sono aggiustate un pò...quel che ha fatto è sbagliato ma nei suoi confronti ho sbagliato io e nn mi riferisco alla questione che è uscita fuori perchè su qst sa come la penso,mi riferisco a delle cose dette e pensate ...


ilè bella l'ultima frase...ma sei sicura che è tua?.sta copiona !!!!




e dopo tanto tempo ho cambiato la foto...olè...
ah dimenticavo ...la creazione cn le farfalle è opera di ile ...



my song...

vasco rossi__una canzone per te__


Una canzone per te
non te l'aspettavi eh!
invece eccola qua
come mi è venuta
e chi lo sa
le mie canzoni nascono da sole
vengono fuori già con le parole
Una canzone per te
e non ci credi eh!
sorridi e abbassi gli occhi
un istante
e dici "non credo di essere
così importante"
ma dici una bugia
e infatti scappi via

Una canzone per te
come non è vero sei te!
ma tu non ti ci riconosci neanche
lei è troppo chiara
e tu sei già troppo grande
e io continuo a parlare di te
ma chissà pure perché

Ma le canzoni
son come i fiori
nascon da sole
e sono come i sogni
e a noi non resta
che scriverle in fretta
perché poi svaniscono
e non si ricordano più


"heaven"_____Bryan Adams


Oh - thinkin' about all our younger years
There was only you and me
We were young and wild and free

Now nothin' can take you away from me
We've been down that road before
But that's over now
You keep me comin' back for more

Baby you're all that I want
When you're lyin' here in my arms
I'm findin' it hard to believe
We're in heaven

And love is all that I need
And I found it there in your heart
It isn't too hard to see
We're in heaven

Oh - once in your life you find someone
Who will turn your world around
Bring you up when you're feelin' down

Ya - nothin' could change what you mean to me
Oh there's lots that I could say
But just hold me now
Cause our love will light the way

Chorus

I've bin waitin' for so long
For somethin' to arrive
For love to come along

Now our dreams are comin' true
Through the good times and the bad
Ya - I'll be standin' there by you


troppo bell sta canzone...


In questi ultimi mesi ne abbiamo viste e sentite talmente tante che forse abbiamo finalmente capito cm gira il mondo...ormai nn ci stupisce + niente...se un ragazzo mette le corna alla ragazza??...assolutamente normale...se una ragazza esce cn il ragazzo della sua migliore amica??...assolutamente normale...ragazzi pallisti che prendono in giro le persone??...assolutamente normale...ipocrisia tra amiche che fanno finta di volersi infinitamente bene e poi si fanno le scarpe a vicenda ??...assolutamente normale...





meno male ,però, che qualcuno si salva ...se no stessn 'nguaiat!!!!!!!!



# # # # # #
# # # #
# # #
# #
******************* # # *****************************
******************* # # *****************************
******************* # # ***************************
# #
# #
@


Posso scrivere i versi più tristi stanotte...

Posso scrivere i versi + tristi questa notte

Scrivere, ad esempio : La notte è stellata,
e tremolano, azzurri, gli astri in lontananza.


Il vento della notte gira nel cielo e canta.


Posso scrivere i versi più tristi questa notte.
Io l'amai , e a volte anche lei mi amò .


Nelle notti come questa la tenni tra le mie braccia.
La baciai tante volte sotto il cielo infinito.


Lei mi amò, a volte anch'io l'amavo.
Come non amare i suoi grandi occhi fissi.


Posso scrivere i versi più tristi questa notte.
Pensare che non l'ho. Sentire che l'ho perduta.


Udire la notte immensa, più immensa senza lei.
E il verso cade sull'anima come sull'erba la rugiada.


Che importa che il mio amore non potesse conservarla.
La notte è stellata e lei non è con me.


E' tutto. In lontananza qualcuno canta. In lontananza.
La mia anima non si rassegna ad averla perduta.


Come per avvicinarla il mio sguardo la cerca. Il mio cuore la cerca, e lei non è con me.


La stessa notte che fa biancheggiare gli stessi alberi.
Noi quelli di allora, più non siamo gli stessi.


Più non l'amo, è certo, ma quanto l'amai.


La mia voce cercava il vento per toccare il suo udito.


D'altro. Sarà d'altro. Come prima dei suoi baci.
La sua voce, il suo corpo chiaro . I suoi occhi infiniti.


Più non l'amo, è certo, ma forse l'amo .
E' così breve l'amore, ed è sì lungo l'oblio.


Perché in notti come questa la tenni tra le mie braccia,
la mia anima non si rassegna ad averla perduta.


Benché questo sia l'ultimo dolore che lei mi causa
e questi siano gli ultimi versi che io le scrivo.



""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""****************************************************************
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^







"ero felice , Angela , e mi chiesi perkè l'assimilazione di un sentimento così benevolo ci trovi sempre impreparati ,sbadati ,tanto che conosciamo sl la nostalgia della felicità ,o la sua perenne attesa. IO ERO FELICE IN QL MOMENTO E LO DICEVO :"SN FELICE"






"nn si può spiegare l'amore . E'sl ,s'inganna e fatica in sè stesso ...io so che la amo.La amo come nn ho mai amato nessuno.La amo cm un mendicante,cm un lupo,cm un ramo di ortica .La amo cm un taglio nel vetro .La amo perchè nn amo che lei ... e voglio urlare a tt quell'acqua che nn ce la farà a portarmela via ..."





"...ma so che è lei .E nn so + dv sono .NN ci sn che ombre ,e bagliori che sfiorano il mio viso .Sn solo cn lei nel rumore della pioggia .Alzo una mano , lo scolo dell'acqua che cade dalla tenda s'infila nella manica del mio impermeabile.LE STO DICENDO DI ASPETTARMI ,LE STO DICENDO : NN TI MUOVERE . "



"......oggi mentre passeggiavo in riva al lago ,lungo quello strano Cammino di Santiago,l'uomo che era cn me - un pittore ,una vita diversa dalla mia - ha lanciato un sassolino nell'acqua .Nel punto dov'è caduto ha lasciato dei piccoli cerki che si sn ampliati,espansi fino a raggiungere una papera che passava di lì per caso e nn aveva niente a ke fare cn quel sasso.Invece di essere spaventata dall'onda inattesa ,ha deciso di giocarci.
Qualke ora prima di qst scena ero entrata in un bar e avevo udito una voce - ed era stato cm se Dio avesse lanciato un sassolino là dentro .Le onde di energia avevano raggiunto me e un uomo che si trovava in un angolo intento a dipingere un quadro .Lui ha sentito la vibrazione e anch'io .E ora?
Il pittore sa qnd incontra un modello .Il musicista sa qnd il suo strumento è accordato .Qui ,davanti a qst diario ho la consapevolezza che certe frasi nn siano scritte da me ,ma da donna piena di "luce " ,che sn io e che mi rifiuto di accettare .
Posso continuare a vivere così .Ma posso anche ,cm la paperella del lago ,divertirmi e gioire cn l'onda che è arrivata all'improvviso e ha mosso l' acqua.
Esiste un nome per qst sasso :"passione ".Una parola che può descrivere la bellezza di un incontro fulminante fra due person e , ma nn si limita a ciò .Si trova nell'eccitazione dell'inatteso ,nella volontà di fare qlcosa cn fervore, nella certezza che si riuscirà a realizzare un sogno .La passione ci fornisce alcuni segnali che quidano la nostra vita :TOCCA A ME SAPERLI DECIFRARE .
Vorrei credere che sn innamorata .Di qlcuno che nn conosco e che nn rientrava nei miei piani .Tutti qst mesi di autocontrollo e,di rifiuto dell'amore ,hanno prodotto esattamente il risultato opposto : farmi coinvolgere dalla prima persona che mi ha dedicato un'attenzione diversa ...................



..................................e in tal caso , anche se ormai l'avrò perduto ,mi sarò sempre guadagnata un giorno di felicità nella mia vita . Considerando com'è il mondo ,un giorno di felicità può dirsi quasi un miracolo.


L'essere umano può sopportare una settimana di sete, quattordici giorni di fame, alcuni anni senza un tetto ma nn riesce a tollerare ....

.....LA SOLITUDINE


^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Tears And Rain

James Blunt





How I wish I could surrender my soul;
Shed the clothes that become my skin;
See the liar that burns within my needing.
How I wish I'd chosen darkness from cold.
How I wish I had screamed out loud,
Instead I've found no meaning.

I guess it's time I run far, far away; find comfort in pain,
All pleasure's the same: it just keeps me from trouble.
Hides my true shape, like Dorian Gray.
I've heard what they say, but I'm not here for trouble.
It's more than just words:
it's just tears and rain.

How I wish I could walk through the doors of my mind

Hold memory close at hand,
Help me understand the years.
How I wish I could choose between Heaven and Hell.
How I wish I would save my soul.
I'm so cold from fear.

I guess it's time I run far, far away; find comfort in pain,
All pleasure's the same: it just keeps me from trouble.
Hides my true shape, like Dorian Gray.

I've heard what they say, but I'm not here for trouble.
Far, far away; find comfort in pain.
All pleasure's the same: it just keeps me from trouble.
It's more than just words:
it's just tears and rain.

****************************************************************
*********************************

Chi ha inventato la Nutella?

Once upon a time, many, many, many, ma'na cifra of many years ago, at the beginning of the initiation of the mond, there was the caos.
One day, God (God is the nome d'art of Dio), God, who was disoccupated, had a folgorant idea and so God created the Nutell.

And God saw that the Nutell was good, very good, very very good, good 'na cifra. The mangiation of God was long. He manged one million of barattols of Nutell sfrutting the fact that God has not a Mamm that strills if you sbaff too much Nutell.......
And after this mangiation, God invented the Water Closed Run, the cors in the cabinet, and some Nutell's derivates like the red bubbons, the panz, the cellulit and ceter, and ceter.

After di which (dopodichè') he invented Adamo ed Eva and all the paradise and he diss to Adamo and Eva: "Now you have all the Paradise, you can do everything, very tutt: you have the permission to eat, to drink, to kiss, to scop; nothing lavor, nothing affit, nothing concors of impiegats, nothing cod alla post, nothing IRPEF, ILOR.
Only very ozious life: television, telenovels, football, moviols, process of Monday, appell of Tuesday, cassazion of Wednesday, and ceter, and ceter. You have gratis restaurants, cinemas, theaters, all the Paradise is yours: air-conditioned, autom riscaldament, moquette, parquett, tresset, bidet, omelette, eccet, eccet.... "There's just one thing, remember, in tutt the Paradise just one thing absolutely prohibited.

Come, come to me in the giardin: this is "the Nocciol", the alber of the Nutell. Only this alber of the Nutell is prohibited, because I like the Nutell very much, very very much, much 'na cifra and I want all the Nutell, tutt the Nutell for me."

During the prim temps, Adamo and Eva were very happy.
Adamo said:"What a cool! ('Cool' is not in Italian 'freddo', no, 'What a cool' means 'Che cul') All the Paradise is nostr!" And everyday, ognigiorn, they discovered something new.
A lot of scoperts, many scoperts, many many scoperts, 'na cifra di scoperts. One day the scopert of the hot water, one day the scopert of the spaghettis, one day the cigarettes, and ceter, and ceter. But one day, a trist day, a very very trist day, trist 'na cifra, Adamo and Eva fecer the scopert of the first colazion.

And after the scopert of the cappuccin, the scopert of the aranch succ, the scopert of the cornetts, they understood that something was mancant.

"Eva!" said Adamo "Don't you think that qualcos is mancant here, proprio here, 'ncopp this fett?"
"Second me" Eva risposed "'ncopp the fett you have to metter burr and marmelade."
"No, no Eva, you know that the marmelade schif myself. I want 'ncopp this fett something very particular, very very particular, particular 'na cifra. What do you think about the Nutell?"
"No, Adamo you are scording that the Signor said that's vietat!"
"Yes, I remember, but only a little assaggiation, don't succed nothing!"

And Adamo sces in the cortil where the alber of the Nutell was and he pres a small barattol and spalmed the brown cream on the fett and assagged the Nutell. Adamo and Eva don't ebber the time to exprimer the godiment that the tuons and fulmins apparved in the ciel and one voice said:
"Potevamo stupirv you with special effects, but I'm God, not Fantagod! Adamo, Eva, come here! I'm very incazz with you, very very incazz, incazz 'na cifra! How did you permit to tocc the Nutell? Didn't you remember that it was prohibited?"
"Cazz!" esclamed Adamo "It was prohibited!
Oh, sorry, God, I'm very very sorry, sorry 'na cifra, God, I really really was completely scordat..."
"Don't do that fint tont, Adamo, I'm God, I can see everything, very tutt, and I know that you and the woman have deliberatament assaggiated the Nutell. So you have a big punhition, a very castig for your peccat.
But siccom I'm sconfinatly good, you can choose, you have two scelts: "Scelt number 1: nothing Nutell for ever and ever in the secols of the secols, amen!"
"Nooo!" Eva was piagnucoling "It's a thing very tragic, very very tragic, ragic 'na cifra!"
"Aspett!" said God "Don't be frettolous woman.....
"Scelt number 2: you can take the Nutell, no problem, let's prend, prend, but for you is the cacciation out of the Paradise. You will have to lavorar with the sudor of your front, you will zapp the terr, you'll have mal of chien and, like this don't bastass, everytime you will mang Nutell, the malediction of the brufols, of the mal of panch, of the cacarel will be cadent n you."
"Ale'!" esclaimed Adamo
"Thank you God, thank you, we don't interess the cacciation dal Paradise, the important is to have the Nutell! Goodbye! Ciao, ciao!"
And so Adamo and Eva were cacciated and this original peccat and this malediction cadded on lor and on lor discendents, and on the discendents of the discendents. Infact, tutt'ogg, you can veder in the pubblicity all the ragazz that per aver one fett of pan and Nutell they scalan the mountains they stay in a tend al fredd and al gel and ceter, and ceter.
But the final pensier of tutti noi is "It's meglio faticar and soffrir with the Nutell piuttost che the Terrestr Paradise senz the Nutell." e here finisch the story......content? Eh?






LA MIA VITA ???!!!!...un continuo susseguirsi di ERRORI...


_______---SULL'ORLO DI UNA CRISI DI NERVI...

...ANZI DI TT IL SISTEMA NERVOSO E CARDIOVASCOLARE____--




LA STORIA DELLA MATITA


Il bambino guardava la nonna che stava scrivendo una lettera. A un certo punto, le domandò:
“Stai scrivendo una storia che è capitata a noi? E che magari parla di me.”
La nonna interruppe la scrittura, sorrise e disse al nipote:
“E’ vero, sto scrivendo qualcosa di te. Tuttavia, più importante delle parole, è la matita con la quale scrivo. Vorrei che la usassi tu, quando sarai cresciuto.”
Incuriosito il bambino guardò la matita, senza trovare alcunché di speciale.
“Ma è uguale a tutte le altre matite che ho visto nella mia vita!”
“Dipende tutto dal modo in cui guardi le cose. Questa matita possiede cinque qualità: se riuscirai a trasporle nell’esistenza, sarai sempre una persona in pace con il mondo.
“Prima qualità: puoi fare grandi cose, ma non devi mai dimenticare che esiste una Mano che guida i tuoi passi. “Dio”: ecco come chiamiamo questa mano! Egli deve condurti sempre verso la Sua volontà.
“Seconda qualità: di tanto in tanto, devo interrompere la scrittura e usare il temperino. E’ un’azione che provoca una certa sofferenza alla matita ma, alla fine, essa risulta più appuntita. Ecco perché devi imparare a sopportare alcuni dolori: ti faranno diventare un uomo migliore.
“Terza qualità: il tratto della matita ci permette di usare una gomma per cancellare ciò che è sbagliato. Correggere un’azione o un comportamento non è necessariamente qualcosa di negativo: anzi, è importante per riuscire a mantenere la retta via della giustizia.
“Quarta qualità: ciò che è realmente importante della matita non è il legno o la sua forma esteriore, bensì la grafite della mina racchiusa in essa. Dunque, presta sempre attenzione a quello che accade dentro di te.
“Ecco la quinta qualità della matita: essa lascia sempre un segno. Allo stesso modo, tutto ciò che farai nella vita lascerà una traccia: di conseguenza, impegnati per avere piena coscienza di ogni tua azione.


Manuale per scalare le montagne
A] Scegli la montagna che desideri scalare: non lasciarti trascinare dai commenti degli altri, che dicono “quella è più bella”, o “questa è più facile”. Spenderai molta energia e molto entusiasmo per raggiungere il tuo obiettivo, quindi l’unico responsabile sei tu, e devi essere sicuro di ciò che fai.
B] Sappi come arrivare davanti alla montagna: molte volte, si vede la montagna da lontano – è bella, interessante, piena di sfide. Ma che succede quando tentiamo di arrivarci? Le strade le girano intorno, ci sono foreste fra te e il tuo obiettivo, quello che sulla mappa appare chiaro, nella vita reale è difficile. Quindi, tenta tutte le strade e tutti i sentieri, fino a che un giorno ti troverai davanti alla vetta che intendi raggiungere.
C] Apprendi da chi ha già fatto quel percorso: per quanto tu ti ritenga unico, c’è sempre qualcuno che ha avuto lo stesso sogno prima e ha finito per lasciare alcuni segnali che possono facilitarti nel cammino: luoghi dove legare la corda, viottoli, rami spezzati che facilitano la marcia. La camminata appartiene a te, e anche la responsabilità, ma non dimenticare che l’esperienza altrui è di grande aiuto.
D] I pericoli, visti da vicino, sono controllabili: quando cominci a salire sulla montagna dei tuoi sogni, presta attenzione all’ambiente circostante. Ci sono precipizi, è ovvio. Ci sono crepe quasi impercettibili. Ci sono rocce talmente levigate dalle tempeste che con il ghiaccio diventano scivolose. Ma se ogni volta saprai dove stai mettendo il piede, noterai le trappole e saprai aggirarle.
E] Il paesaggio cambia, quindi goditelo: sicuramente è necessario avere un obiettivo in mente, cioè arrivare alla cima. Ma, via via che si sale, si possono vedere altre cose, e non costa niente fermarsi di tanto in tanto e godersi un po’ il panorama circostante. Ad ogni metro conquistato, puoi vedere un po’ più lontano, e dunque approfittane per scoprire cose di cui non ti eri accorto.
F] Rispetta il tuo corpo: soltanto chi dà al corpo l’attenzione che esso merita riesce a scalare una montagna. Tu disponi di tutto il tempo che la vita ti dà, quindi cammina senza pretendere ciò che non può essere dato. Se procederai troppo in fretta, ti stancherai e rinuncerai a metà. Se procederai troppo lentamente, potrebbe calare la notte e tu sarai perduto. Goditi il paesaggio, approfitta dell’acqua delle sorgenti e dei frutti che la natura ti dà generosamente, ma continua a camminare.
G] Rispetta la tua anima: non continuare a ripeterti “ce la farò”. La tua anima lo sa, ciò di cui ha bisogno è usare la lunga camminata per poter crescere, estendersi sull’orizzonte e raggiungere il cielo. Una ossessione non è di alcun aiuto nel perseguimento dell’obiettivo e finisce per annullare il piacere della scalata. Ma attenzione: non continuare neppure a ripeterti “è più difficile di quanto pensassi”, perché questo ti farà perdere la forza interiore.
H] Preparati a percorrere un chilometro in più: il percorso fino alla cima della montagna è sempre maggiore di quanto tu pensi. Non sbagliarti, arriva sempre il momento in cui ciò che sembrava vicino è ancora molto lontano. Ma se sarai preparato ad andare oltre, questo non costituirà un problema.
I] Gioisci quando arrivi sulla sommità: piangi, batti le mani, urla ai quattro venti che ce l’hai fatta, lascia che il vento lassù in cima (perché lassù in cima è sempre ventoso) purifichi la tua mente, rinfreschi i tuoi piedi sudati e stanchi, ti apra gli occhi, ripulisca il tuo cuore dalla polvere. Che bello, ciò che prima era solo un sogno, un panorama lontano, ora fa parte della tua vita, ce l’hai fatta.
J] Fai una promessa: approfitta del fatto di avere scoperto una forza di cui ignoravi l’esistenza per dire a te stesso che, d’ora in poi, la userai per il resto dei tuoi giorni. Preferibilmente, prometti anche di scoprire un’altra montagna e di partire per una nuova avventura.
L] Racconta la tua storia: sì, racconta la tua storia. Dai il tuo esempio. Di’ a tutti che è possibile, e altri avranno il coraggio di affrontare le proprie montagne







***__GENTE ALLEGRA DIO L'AIUTA__***



Aggiungi alla Friend List
Leggi messaggi per **MiLLiE87** (35) | Scrivi un messaggio a **MiLLiE87**



Leggi il Blog di **MiLLiE87**






Nick precedente: millie87
Pagina visitata 6209 volte, ultimo aggiornamento : 22/04/2007 - 13.21
ultima visita il 09/02/2016 alle ore 14:32 da un ragazzo di 40 anni.




 
 
 
www.ircnapoli.com