Spazio sponsor, richiedi anche tu uno spazio su ircnapoli per la tua pubblicità!
 
 

-raflita-

nome:

raffaella
eta': 35
Citta'.: napoli
Descrizione: attendere per il profilo sto prendendo la mira
Chi non slata Berlusconi è è
Si prega di saltare
Ma uffa,perchè
che bello stare sole a casa
no ti chiamo io
se pure fosse
Flaiano Il calabrone entra nella stanza illuminata, va a battere velocemente contro la lampada, le pareti, i mobili.
Rumore secco delle sue zuccate. Dopo un po' si acquatta per riprendere le forze. Ricomincia contro la lampada, le pareti, i vetri, e daccapo contro la lampada.
Infine cade sul tavolo, zampe all'aria, la mattina dopo è secco, leggero, morto. Non ha capito niente, ma non si può dire che non abbia tentato.

Viernarì unnice aprile
'a Sant'Anastasia
nu tratto nu rumore
sentiett' 'e ch' paura.

Je ascevo 'a faticà
manc'a forza 'e cammenà
p'à via addumandà
sta botta che sarrà.

'A Massaria 'e Rumano
na fabbrica è scuppiata
e 'a ggente ca fujeva
e ll'ate ca chiagneva.

Chi jeva e chi turnava
p'à paura e ll'ati botte
ma arrivato nnanz' 'o canciello
maronn' e ch' maciello!

Din't vuliette trasì
me sentiette ' e svenì
'nterr' na capa steva
e 'o cuorpo n' 'o teneva.

Cammino e ch' tristezza
m'avoto e ncopp' 'a rezza
dduje pover' operaje
cu 'e carne tutt'abbruciat'.

Quann' arrivano 'e pariente
'e chilli puverielle
chiagnevano disperati
pè 'lloro figlie perdute.

«'O figlio mio addò stà
aiutateme a cercà
facitelo pè pietà
pè fforza ccà adda stà».

«Signò nun alluccate
ca forse s'è salvato»
e 'a mamma se và avvutà
sott' 'a terra ' o vede piglià.


Sò state duricie ' e muorte
p'è famiglie e ch' scunfuorto
ma uno nun s'è trovato
povera mamma scunzulata.

Sò arrivat' 'e tavule
e 'a chiesa simmo jute
p'ò l'urdemo saluto
p'e cumpagne sfurtunate.

P'e mmane nuje pigliammo
tutti sti telegrammi
sò lettere 'e condoglianze
mannate pè crianza.

Atterrà l'ajmm' accumpagnat'
cu arraggiar'a 'ncuorpo
e 'ncopp' 'a chisti muort'
giurammo ll'ata pavà...

E chi và 'a faticà
pur' 'a morte addà affruntà
murimm' 'a uno 'a uno
p'e colpa 'e 'sti padrune.

A chi ajmma aspettà
sti padrune a' cundannà
ca ce fanno faticà
cu 'o pericolo 'e schiattà.

Sta ggente senza core
cu 'a bandiera tricolore
cerca d'arriparà
tutt' 'e sbagli ca fà.

Ma vuje nun'ò sapite
qual'è 'o dolore nuosto
cummigliate cu 'o tricolore
sti durici lavoratori.

Ma nuje l'ajmm' capito
cagnamm' sti culuri
pigliammo a sti padrune
e mannammel' 'affanculo.

E cu 'a disperazion'
sti fascisti e sti padrune
facimmo un ' muntone
nu grand' fucarone.

Cert' chisto è 'o mumento
e 'o mumento 'e cagnà
e 'a guida nostra è grossa
è 'a bandiera rossa.

Compagni pè luttà
nun s'adda avè pietà
me chesta è 'a verità
'o comunismo è 'a libertà



Aggiungi alla Friend List
Leggi messaggi per -raflita- (35) | Scrivi un messaggio a -raflita-








Pagina visitata 3549 volte, ultimo aggiornamento : 27/05/2006 - 20.45
ultima visita il 31/12/2015 alle ore 17:04 da un ragazzo di 49 anni.




 
 
 
www.ircnapoli.com